Riccardo Arrighini, pianoforte

Monte Compatri (RM), Italia

Palazzo Annibaldeschi

6:30 PM

18.30 - Riccardo Arrighini, pianoforte

SOLOINSIEME
Riccardo Arrighini – Pianoforte

 

Il piano solo è un “solo-insieme”. L’ossimoro spiega bene l’idea originale e rivoluzionaria di utilizzare un bouquet di suoni combinandoli come fa un pittore sulla tela.

Ho fortemente voluto fare un disco in piano solo dopo diversi anni in cui non avevo più inciso con questa formula.
È anche il primo lavoro che realizzo a pochi mesi dalla scomparsa di mia madre, mi piace pensare ricongiuntasi con papà dopo dieci anni: da qui il desidero di dedicare SOLOINSIEME alla memoria dei miei genitori.
Il piano solo è considerato la “summa” del pianismo jazz, il momento in cui rimani da solo con te stesso e in cui devi, con le sole mani e la testa, sintetizzare i tre parametri fondamentali della musica ossia melodia, armonia e ritmo. Il piano solo richiede quindi ampie conoscenza ed esperienza, sia per quanto concerne la tecnica dello strumento che l’espressività, in una parola occorre “maturità”.
A cinquantun’anni suonati, dopo tre decadi di attività jazzistica sui palchi italiani ed esteri ed altrettanti cd incisi, con collaborazioni importanti, ma soprattutto dopo aver dedicato gli ultimi anni ad una intensa attività di ricerca, ho ritenuto fosse arrivato il momento migliore per confrontarmi con questa difficile e quantomai intrigante disciplina. Un piano solo jazzistico, quindi.
Non sono mai stato “stilista” di un qualche genere, ho sempre preferito spaziare tra essi e anche all’interno del jazz stesso ho amato varie correnti, magari a periodi alterni, cercando di sviscerarne ciascuna nel suo significato più profondo. Ho amato ed amo indistintamente il Bebop come il jazz modale e contemporaneo, i miei riferimenti stilistici passano da Bud Powell a Mc Coy Tyner, da Bill Evans a Keith Jarrett, da Chick Corea a Herbie Hancock senza dimenticare Lyle Mays e Michel Petrucciani, fino a Esbjorn Svensson e Brad Mehldau.
Col passare del tempo ho maturato sempre più la convinzione di essere un compositore, un “vestito” che mi sento cucito addosso e ormai imprescindibile da me

Biglietto 10€

Venue Details

Palazzo Annibaldeschi Via Annibaldeschi, 2
Monte Compatri (RM), 00077
Italia